Osteopatia e sport

Oggi giorno sono sempre più numerosi gli sportivi amatoriali, professionisti ed olimpionici che si rivolgono all’osteopata. In questo articolo vi spiego per quale motivo l’osteopatia è un grande alleato per ogni sportivo.

Perchè uno sportivo si rivolge all’osteopata?

I problemi fisici a cui lo sportivo può andare incontro sono relazionati al tipo di sport praticato. Ogni attività sportiva, infatti,  prevede maggiore stress di  alcuni distretti corporei piuttosto che altri (es. caviglia ed arti inferiori nei calciatori, spalle per i nuotatori e così via).

L’osteopatia si è dimostrata un gran alleato per prevenire e scongiurare traumi, infortuni e/o sovraccarico delle articolazioni ed aumentare il potenziale di prestazione dello sportivo.  

Tramite un attento colloquio con l’atleta, la considerazione della disciplina sportiva eseguita, l’analisi/valutazione osteopatica della postura e l’esecuzione di test specifici sulle articolazioni/muscoli,  è possibile individuare le strutture corporee che presentano alterata mobilità e funzionalità.  

Lo scopo del trattamento manipolativo osteopatico negli sportivi è quello di migliorare  l’efficienza del sistema muscolo-scheletrico, evitare che si instaurino/mantengano zone di maggior sovraccarico, prevenire l’ insorgenza di infortuni, migliorare ed ottimizzare il rendimento e le prestazioni dello sportivo. 

Ci sono discipline più a rischio? 

Ogni disciplina sportiva presenta le proprie peculiarità proprio come chi lo pratica. Considerare la disciplina sportiva svolta risulta quindi piuttosto importante per valutare quali strutture possano essere più coinvolte e sovraccaricate rispetto ad altre. Vi riporto alcuni esempi: 

La corsa ed il calcio, prevedono un massiccio utilizzo degli arti inferiori. Per questo motivo chi lo pratica può incorrere in traumi degli arti inferiori, slogature, distorsioni di caviglia, pubalgia, dolore dell’articolazione sacro-iliaca ecc. 

Il nuoto, invece, prevede un elevato utilizzo degli arti superiori. Per questo motivo possono insorgere problematiche legate in particolar modo alla spalla e alla schiena (nel tratto dorsale/dorso-lombare).

Il tennis prevede, oltre a scatti repentini corporei, l’elevato utilizzo della muscolatura del braccio. Proprio per questo motivo, il dolore al gomito sul versante laterale (epicondilite) è nota anche come “gomito del tennista”. Stesso discorso, ma con coingoltimento di differenti muscoli, per chi pratica il golf: L’ epitrocleite (dolore sul versante mediale del gomito) è nota anche con il nome di “gomito del golfista”.

About Osteopata Federica Testoni

Osteopata Federica Testoni, diplomata in Osteopatia presso Icom College of Osteopathic medicine, Master of science presso Nescot College, University of Surrey (Uk). Libera professionista ed assistente alla docenza presso Icom College. Iscritta alla Federazione Sindacale Italiana Osteopati (Fe.S.I.Os)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.